Alla ricerca di letture estive (parte II)? Eccovi due super classiconi del calibro di…

Ma quanto è bello da 1 a 10 quando, leggendo un buon libro capita di mormorare tra se ” mah no, non ci posso credere” attraversando un colpo di scena!
Bene, se è di questo che avete voglia fanciulli e fanciulle, vi consiglio, senza dubbio alcuno, di buttarvi su due super classiconi che hanno allietato il mio ultimo mese: Mr. Henry James con il suo “Ritratto di signora” e Mr. Alexandre Dumas con il suo “Il Conte di Montecristo”.

ritrVorrei quasi dirvi che “Ritratto di signora” è più indicato alle fanciulle mentre “Il Conte di Montecristo” a lor maschietti ma non è assolutamente così. Vero è che Henry James parla di una donna, della sua libertà e della sua intraprendenza/indipendenza (con tutto ciò che questo produrrà)  ma è talmente ricco il piano dei vari personaggi che lo consiglierei anche ai signori lettori.

La purezza del linguaggio vale ogni secondo del tempo che dedicherete alla storia di questa eroina ottocentesca ma, comunque, senza tempo. Ve ne riporto solo un esempio ma il libro è costellato di descrizioni e metafore che coniugano magistralmente immagini sonore e visive con sensazioni tattili del tutto uniche:

“Frusciante, scintillante, nelle sue fresche vesti color tortora, Ralph vide al primo sguardo che rea croccante e fresca e promettente come una prima copia non piegata. Da capo a piedi, verosimilmente, non c’era in lei neppure un refuso”

il conte di montecristoMi sta tenendo invece in questo preciso momento una serrata compagnia, senza darmi tregua, “Il Conte di Montecristo”: ne ho lette solo le prime 400 pagine…in pochissimi giorni…non potrete più separarvene, ve lo assicuro. Vi terrà con il fiato sospeso, non vi mollerà neppure un istante. Sono sentimenti atavici quelli che richiama in superficie: la libertà, la vendetta, la rivalsa, la giustizia. Fantastico. In origine, nella sua prima edizione, fu edito sotto forma di roman feuilleton (romanzo d’appendice), narrativa ad episodi su quotidiani; questo appare del tutto evidente leggendolo nella sua interezza: in parallelo alla trama principale con protagonista il mitico Edmond Dantés, in ogni capitolo si succedono storie parallele ma strettamente legate alla primaria e una sovrapposizione di personaggi più unici che rari dislocati in ogni angolo d’Europa e Medio Oriente. Fantastico! Ve ne lascio un assaggio e ne proseguo immediatamente la lettura:

“Così Dantès, che tre mesi prima non desiderava che la libertà, non era più contenta della sola libertà, ma aspirava alla ricchezza.

Il difetto non era di Dantès, ma della nostra stessa natura, che limitando la potenza dell’uomo, gli crea desideri infiniti.”

Allora buona lettura e, mi raccomando cari, non fatevi scoraggiare dalle dimensioni…li divorerete.

A presto!

Advertisements

4 comments on “Alla ricerca di letture estive (parte II)? Eccovi due super classiconi del calibro di…

  1. …eh eh …ho letto solo il Conte…la Signora no….
    Ma quanti ne ho da leggere….!

    non si può, devo frenare 😦

    grazie per la proposta
    un caro saluto
    .marta

  2. luna says:

    Dumas lo adoro e ho letto parecchio di lui.
    La “Signora” mi manca.
    Sembra bello però!
    Ti aspetto da me!!!!
    Bacioni.
    Luna

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s